Statuto

Allegato “A” al n.32984 di Repertorio ed al n.16094 di Raccolta

STATUTO

TITOLO I

ART.1

COSTITUZIONE – DENOMINAZIONE – SEDE

E’ costituito un Consorzio con attività esterna ai sensi dell’art.2602 e seguenti del codice civile e per gli effetti dell’art.2612 del codice civile tra Produttori e trasformatori di prodotti agroalimentari, per la tutela dei prodotti Agricoli, Zootecnici, Ittici, di Trasformazione e derivati, Artigiani ed Operatori turistico-alberghieri e della ristorazione, con la denominazione “CONSORZIO AGRITALIA” con sede ed ufficio in Sant’Agata di Militello in Via Oliveto II n.14.

Il Consorzio potrà svolgere la propria attività su tutto il territorio nazionale ed all’estero e potrà aprire sedi secondarie, succursali, agenzie di rappresentanza su tutto il territorio nazionale ed all’estero.

ART.2

DURATA

La durata del Consorzio è fissata fino al 31 dicembre 2099 e potrà essere prorogata con deliberazione dell’Assemblea.

ART.3

OGGETTO E SCOPO

Il Consorzio non ha scopo di lucro e promuove l’agricoltura, la zootecnia, la pesca, l’artigianato, il turismo ed il recupero rurale dei territori sia storico che turistico e l’attività di ristorazione, che d’ora in poi verranno denominati “settori”.

Il Consorzio ha come scopo di contribuire all’innovazione, all’incremento della produzione dei “settori”, nonchè alla predisposizione e gestione dei servizi utili a tutti i “settori”, ad iniziative di carattere sociale e culturale negli interessi dei consorziati. Il Consorzio potrà concedere anticipazioni ai produttori in caso di conferimento di prodotti all’ammasso volontario e tende a sviluppare una forte e competente sensibilità alla coscienza agro-ecologica e garantire la giusta dignità alle genti, ai giovani, ai contadini ed a tutti gli operatori dei vari territori di oggi e di domani.

Il Consorzio ha altresì come scopo:

-l’assistenza tecnica organizzativa ai propri Soci intesa a promuovere il miglioramento e la difesa delle produzioni agricole, e di tutti i “settori”, tutelare la biodiversità, tutelare ed intensificare le produzioni biologiche intese come produzioni coltivate con metodi della tradizione agraria locale;

-la gestione delle reti commerciali italiane ed estere, sia come punti vendita diretti, indiretti, e-commerce, partecipazione a fiere e mercati, corner interni ad altri negozi, e quant’altro riguarda il commercio ed il marketing; -servizi ed assistenza tecnica ed agricola di ogni tipo e genere a favore dei consorziati;

-la coltivazione e l’allevamento di varietà e razze tradizionali di interesse agricolo legate ai territori, al suo mare, ed alla sua montagna per ragioni storiche, sociali, ambientali e consuetudinarie;

-la produzione e la diffusione dei prodotti derivati da tali ambienti, varietà e razze;

-lo sviluppo di un turismo compatibile alla vocazione dei vari territori;

-far acquistare dignità culturale alle tematiche legate al cibo ed all’alimentazione, individuare i prodotti alimentari e le modalità di produzione legate ai vari  territori, nell’ottica della salvaguardia delle biodiversità, promuovendo l’assunzione a ruolo di beni culturali;

-promuovere la pratica di una diversa qualità della vita, fatta del rispetto dei tempi naturali, dell’ambiente e della salute dei consumatori;

-sollecitare l’attenzione dell’opinione pubblica verso le tematiche ambientali ed in particolare verso la salvaguardia della biodiversità e delle tradizioni culinarie dei vari territori;

-la difesa attiva e passiva contro i rischi derivanti alle colture ed alle strutture aziendali dalle avversità atmosferiche e dalle fitopatie, come previsto dalla normativa vigente;

-l’istituzione di fondi di mutualità e solidarietà nonché la partecipazione ad iniziative mutualistiche anche di tipo associativo;

-la difesa attiva e passiva anche in forma mutualistica, a sostegno dei redditi delle aziende zootecniche colpite da epizoozie, conformemente a quanto previsto dalla normativa vigente;

-produrre, acquistare e vendere fertilizzanti, antiparassitari, sementi, attrezzi, prodotti, macchine, scorte vive e morte ed in genere tutto ciò che può riuscire utile a tutti i “settori” ed ai consorziati in genere;

-eseguire, promuovere ed agevolare la raccolta, il trasporto, la lavorazione ed il collocamento dei prodotti del suolo e/o dei “settori”, operando sia come intermediario, sia come contraente;

-provvedere alle operazioni di ammasso volontario;

-la costituzione di reti di vendita e marketing finalizzate alla commercializzazione dei prodotti dei consorziati in ogni sua forma e caratteristica;

-la tutela dei prodotti della terra, così come previsto in natura;

-la tutela dei prodotti della pesca;

-la tutela dei prodotti dell’artigianato;

-la costituzione di uno speciale ufficio tecnico;

-la tenuta di corsi professionali;

-lo studio di nuove varietà;

-la sorveglianza dei vivai;

-l’organizzazione e la vigilanza sulle operazioni di difesa fitosanitaria nonché l’esecuzione diretta dei trattamenti per conto dei consorziati;

-incentivare il recupero e la conservazione di aree economicamente marginali, delle terre montane, dell’ambiente marino e marinaro, attraverso produzioni qualitativamente rilevanti, legate per storia e cultura di medio e lungo periodo al territorio, senza tralasciare i valori e le positive implicazioni con il mantenimento delle identità locali che si esprimono anche attraverso la conservazione delle biodiversità del patrimonio biologico;

-conoscere le razze e le colture più diffuse sul territorio nazionale e locale che si sono sviluppate;

-raccogliere le memorie dei saperi e delle pratiche inerenti allevamenti e colture;

-rilevare le caratteristiche fenotipiche locali;

-censire marinerie, allevatori, coltivatori, aziende di trasformazione, aziende artigiane, turistiche etc.;

-recuperare esemplari da riproduzione;

-conoscere preparazioni e derivati agroalimentari ed enogastronomici che valorizzano i vari territori;

-conoscere i manufatti dell’artigianato e delle arti locali;

-assumere in appalto o in regime di concessione od altra forma, l’esecuzione di lavori, opere, servizi, forniture e prestazioni in genere inerenti l’attività dei consorziati;

-eseguire direttamente od in collaborazione con altri consorzi, e/o cooperative e/o imprese o concedere in subappalto lavori, opere, forniture e servizi rientranti nella sua attività;

-acquistare o prendere in affitto fondi agricoli, assumere in concessione terreni demaniali ed acquistare o prendere in affitto le necessarie attrezzature per la loro conduzione, la gestione degli stessi, compresa la produzione agricola in genere, la commercializzazione e/o trasformazione dei prodotti agricoli, forestali e zootecnici in genere;

-prestare servizi di elaborazione dati, tenuta della contabilità e consulenza aziendale alle imprese consorziate;

-acquisire contratti anche di solo controllo di commessa sul tipo del “Construction Management”.

Il Consorzio si propone altresì di:

-stimolare lo spirito di previdenza e di risparmio dei soci, in conformità alle vigenti disposizioni di legge in materia;

-costituire fondi per lo sviluppo tecnologico o per la ristrutturazione o il potenziamento aziendale;

-adottare procedure di programmazione pluriennale finalizzate allo sviluppo o all’ammodernamento aziendale;

-difendere gli interessi economici, morali, assistenziali e previdenziali, sia collettivi che individuali, di tutti i consorziati con assoluta obiettività e libertà, nei confronti degli Enti pubblici e privati siano essi locali, regionali, nazionali,comunitari o internazionali;

-promuovere ed attuare ogni iniziativa che abbia lo scopo di fornire assistenza agli associati negli adempimenti relativi all’organizzazione ed alla gestione delle loro imprese. In quest’ambito il Consorzio può prestare direttamente ai propri associati o a mezzo di apposite convenzioni con altri centri di Assistenza, professionisti abilitati e/o con studi professionali, servizi di informazione, formazione, consulenza ed assistenza tecnica ed amministrativa quali quelle fiscali, tributarie, del lavoro, di contabilità aziendale, legali, finanziari, commerciali, assicurativi e quant’altro occorrenti nell’interesse generale dei consorziati;

-promuovere fiere e mostre-mercato anche permanenti con possibilità di collegamenti con le imprese ed i mercati nazionali ed internazionali per lo sviluppo delle P.M.I.;

-redigere e realizzare studi e progetti di fattibilità e sviluppo, consulenza ed assistenza tecnica, controllo ed individuazione di iniziative per l’avvio d’impresa, con particolare riferimento all’imprenditorialità giovanile;

-promuovere l’interscambio di esperienze e conoscenze tecnico-scientifico-organizzative  con analoghe imprese operanti all’interno della realtà economica europea;

-esercitare ogni funzione ritenuta idonea nei campi della ricerca, della sperimentazione e della formazione  prevista da leggi e regolamenti, ovvero demandata da Amministrazioni ed Enti Pubblici;

-istituire Centri studio, ricerca, sperimentazione e documentazione nei settori inerenti l’attività dei consorziati;

-istituire e gestire aziende e complessi sperimentali con fini esclusivi di ricerca e di formazione;

-promuovere, curare e patrocinare, anche in collaborazione con Istituzioni, Enti Pubblici, privati ed associazioni, riunioni, convegni, seminari, dibattiti, corsi di studio e di aggiornamento ed ogni altra forma di attività scientifica e di ricerca, provvedendo direttamente alla pubblicazione di bollettini, dispense, testi, atti congressuali e monografie;

-promuovere ogni iniziativa utile alla tutela ed allo sviluppo delle Piccole e Medie Imprese dei settori in oggetto con particolare riguardo alla certificazione di qualità;

-partecipare, attraverso i rappresentanti di categoria e dei gruppi interessati, alla stipula di contratti collettivi di lavoro e di accordi sindacali a qualsiasi livello;

-promuovere, organizzare e gestire, anche unitamente ad altre organizzazioni o tramite appositi organismi, corsi R.E.C. e di formazione generale, corsi di preparazione, aggiornamento ed istruzione professionale per gli imprenditori consorziati anche nuovi e dipendenti delle imprese degli imprenditori medesimi o figure professionali da inserire nelle imprese  comunque finanziati da Enti Locali, da Enti Pubblici, dalla Unione Europea e da privati;

-istituire ed assegnare premi e borse di studio ai partecipanti ai corsi per il conseguimento di particolari titoli di studio e di specializzazione;

-svolgere l’attività di informazione e divulgazione socio economica e qualificazione professionale in favore dei consorziati al fine del conseguimento degli scopi previsti dalle normative comunitarie e dalle leggi nazionali e regionali;

-svolgere attività di assistenza tecnica nei “settori” in oggetto allo scopo di istituire e gestire “Centri di assistenza tecnica” in conformità alle direttive ed ai regolamenti comunitari ed alle leggi nazionali e regionali;

-svolgere ogni attività di cooperazione tecnica con i Paesi emergenti;

-svolgere attività formative del personale da utilizzare in programmi di assistenza tecnica e con i Paesi in via di sviluppo;

-promuovere, coordinare e rappresentare tutte le forme di attività e di servizi intese ad assistere e potenziare i “settori” in oggetto in funzione della tutela e della valorizzazione del territorio e dell’ambiente ed in quant’altro torni utile alle imprese nei vari settori;

-assistere i propri iscritti per le pratiche di meccanizzazione, per la concessione di carburanti a prezzo agevolato, per la concessione di mutui fondiari e di contributi dello Stato, delle Regioni, delle Province, dei Comuni e della Unione Europea;

-designare o nominare propri rappresentanti in Enti, organismi o commissioni sia pubbliche che private, ove la rappresentanza della piccola e media impresa sia richiesta o ammessa;

-partecipare alla programmazione a livello comunitario, nazionale, regionale, provinciale, d’area ed ambito, nelle fasi di concertazione, programmazione, presentazione di progetti e proposte utili al raggiungimento del proprio oggetto sociale partecipando ed integrandosi nel nuovo sistema di governance dello sviluppo agricolo, artigianale, del turismo e della pesca nei vari territori in cui sarà operativo al fine di migliorare sia la competitività della offerta locale e regionale in termini di accessibilità, fruibilità, qualità, affidabilità e sicurezza, sia la sua sostenibilità rispetto all’impiego delle risorse, aumentando l’impiego di tecnologie avanzate;

-programmare e coordinare le iniziative e gli investimenti materiali ed immateriali connessi ai “settori” sul territorio di competenza al fine di ottimizzare risorse disponibili con priorità di intervento, massimizzare la complementarietà delle azioni e la loro integrazione attraverso l’utilizzo di strumenti strategici (Agenda) ed operativi (Master Plan) per lo sviluppo dei “settori” regionale e locale e la competitività della offerta delle destinazioni d’area – accessibilità, sistema mobilità, sistema accoglienza, qualità servizi, sostenibilità, innovazione tecnologica su processi e produzioni, ottimizzazione utilizzo risorse idriche ed energetiche, etc.;

-fornire ai propri consorziati e agli operatori dei vari “settori” qualsiasi forma di assistenza possa agevolare lo svolgimento delle loro attività, sia in Italia sia all’estero, promuovere sistemi ed iniziative volte ad informare gli associati in modo globale e tempestivo, favorendo decisioni e scelte nelle fasi di pianificazione e nella quotidiana gestione delle loro attività, ottimizzare, coordinare e migliorare le fasi di approvvigionamento dei consorziati relativamente a beni e servizi necessari allo svolgimento delle loro attività, ottimizzare e coordinare le fasi di commercializzazione e distribuzione dei prodotti e/o servizi e dei pacchetti turistici prodotti sul mercato nazionale e su quello internazionale;

-progettare una offerta aggregata di destinazione, articolata per prodotto, per periodo, per target e per provenienza, integrando nel Consorzio prodotti, servizi, risorse e, di conseguenza, i produttori/gestori degli stessi;

-progettare, organizzare, supportare le fasi di gestione delle diverse singole componenti e degli elementi che compongono le varie offerte;

-migliorare qualitativamente le suddette componenti ed elementi attraverso l’introduzione di innovazione di prodotto e di processo, di attività di animazione e formazione, al fine di ottimizzare il livello di competitività delle singole proposte e della intera destinazione, prima territoriale e poi regionale;

-gestire il sistema di accoglienza, di informazione e dei rapporti con i turisti/consumatori attraverso i canali classici ed innovativi del trade, compresi quelli on line;

-realizzare, acquistare, affittare, gestire strutture, attrezzature, impianti e qualsiasi altro bene o servizio sia ritenuto necessario;

-stipulare convenzioni ed accordi per lo svolgimento delle attività che il Consorzio svolgerà o che diano ai consorziati una qualsiasi forma di convenienza per lo svolgimento delle loro rispettive attività;

-ideare, pianificare, gestire e coordinare in modo diretto o attraverso terze organizzazioni, iniziative ed attività di promozione turistica di ogni genere ed in ogni ambito;

-favorire la creazione di centri acquisti, di tour operator, di centri dati, di booking centralizzati e reti telematiche che sostengano l’attività dei consorziati e possano facilitare il raggiungimento degli obiettivi sopracitati;

-favorire la creazione di un sistema museale locale connesso ad un sistema museale regionale e sovra regionale, in una ottica di internazionalizzazione dei valori e delle culture locali;

-incentivare tra i consorziati la costituzione di eventuali organizzazioni di guide turistiche, guide alpine, accompagnatori, hostess di terra, animatori e sales promoter;

-incentivare la organizzazione di manifestazioni ed eventi culturali, artistici, musicali, letterari e teatrali utili a migliorare l’appeal del territorio in richiamo alla cultura e alle tradizioni locali o all’aumento dei flussi turistici;

-effettuare ricerche, studi, analisi e segmentazioni di mercato utili alla impostazione ed alla revisione periodica dei progetti e delle attività dei consorziati;

-definire strategie di penetrazione in nuovi mercati:

-realizzare studi di fattibilità per nuovi prodotti turistici di destinazione;

-eseguire riscontri di mercato e individuare dei correttivi per le proposte dei vari “settori” e per i singoli servizi ad esse afferenti.

I beneficiari delle attività del Consorzio saranno le imprese consorziate.

Per il miglior conseguimento e per la realizzazione dello scopo sociale, il Consorzio, oltre che di strutture proprie, si avvarrà, se necessario e per quanto possibile, di quelle dei consorziati e di soggetti terzi.

In particolare, per realizzare maggiori economie, nonché per una migliore qualità dei servizi prestati, il Consorzio potrà avvalersi, sulla base di apposite convenzioni quadro e nel rispetto dell’ordinamento di ciascun consorziato, delle conoscenze tecniche e professionali, dei mezzi e delle strutture dei consorziati, secondo le previsioni contenute nei piani/programmi annuali e pluriennali del Consorzio.

Le convenzioni di cui sopra, o, in mancanza, specifici accordi disciplineranno le modalità ed i criteri di effettuazione delle prestazioni e dei servizi anche da parte dei dipendenti dei consorziati nonchè i relativi compensi.

Il Consorzio sarà del tutto indipendente ed apartitico.

Il Consorzio potrà costituire, detenere ed utilizzare a tutti i fini previsti dal presente statuto il marchio consortile, il quale dovrà essere sottoposto all’approvazione da parte del Ministero delle politiche alimentari e forestali. Il Consorzio potrà tutelare e difendere, anche in sede giudiziaria, in Italia e all’Estero, e vigilare affinché da parte di chiunque non vengano usati indebitamente, abusivamente od illegittimamente il marchio distintivo e la dicitura “CONSORZIO AGRITALIA”.

Ai fini del raggiungimento dell’oggetto sociale il Consorzio potrà:

-partecipare ad iniziative associative e di coordinamento con altri Consorzi o altri Enti, società, associazioni, operanti nei “settori”; concedere e/o ricevere mandati di agenzia, rappresentanza, commissione, distribuzione e diffusione di prodotti, beni e servizi interessanti “i settori”; assumere, sempre in via non prevalente e senza scopo di collocamento, interessenze, partecipazioni sotto qualsiasi forma in altre imprese, società, cooperative, consorzi, associazioni di prodotto o altri enti costituiti o costituendi che abbiano oggetto analogo, affine o comunque connesso al proprio e potrà compiere tutte le operazioni mobiliari ed immobiliari, commerciali e finanziarie che saranno ritenute necessarie ed utili per il conseguimento dell’oggetto sociale, ivi compresa l’assunzione di partecipazioni ed interessenze in imprese, società e consorzi, l’accensione di conti correnti, l’assunzione di prestiti e mutui anche ipotecari per il finanziamento delle attività sociali e potrà avvalersi di tutte le agevolazioni locali, regionali, statali, comunitarie e di ogni altro Ente.

TITOLO II

CONSORZIATI

ART.4

Il numero dei consorziati è illimitato.

Possono essere ammessi gli imprenditori agricoli di cui all’art.2135 del Codice Civile, le cooperative ed i loro Consorzi, le Associazioni di produttori riconosciute ai sensi della normativa vigente, le imprese che svolgono attività di trasformazione dei prodotti alimentari, attività ittica, ricettiva, turistico-alberghiera, ristoranti, agriturismi,  esercizi artigianali e commerciali, in generale e imprese di qualunque natura interessate ad acquistare, trasformare, proporre, consumare, vendere, distribuire i prodotti tutelati.

ART.5

L’aspirante Socio deve presentare domanda al Consiglio di Amministrazione precisando:

  1. a) il cognome e nome, luogo e data di nascita, domicilio, codice fiscale dichiarazione di iscrizione al registro delle imprese e partita I.V.A.;
  2. b) la sede del richiedente e l’attività svolta in relazione ai requisiti di cui all’articolo precedente.

Se l’istanza è proposta da società o Enti, deve altresì, indicare:

  1. c) la ragione sociale, la sede, il codice fiscale e la partita I.V.A.;
  2. d) la qualifica di legale rappresentante della persona che sottoscrive l’istanza;
  3. e) il provvedimento dell’organo competente a deliberare la proposizione della domanda e l’assunzione delle obbligazioni conseguenti all’eventuale accoglimento della stessa.

Con la domanda l’aspirante Socio deve dichiarare di assumere i seguenti obblighi:

1) versamento della quota di ammissione che per il 2017 é determinata in euro: 200,00 (duecento virgola zero zero) ed eventuali contributi consortili stabiliti, per gli anni successivi, le quote verranno determinate dal Consiglio di Amministrazione;

2) impegno ad osservare le norme del presente statuto e del regolamento;

3) uniformarsi alle deliberazioni prese dagli organi sociali;

4) impegno ad acquistare e/o servirsi dei prodotti e servizi delle aziende interne al consorzio;

5) a pena di esclusione dal Consorzio, l’impegno alla sottoscrizione del o dei disciplinari di produzione, comportamento e quant’altro, che redatti dal Consorzio avranno lo scopo di tutelare la qualità della produzione.

Il Consiglio di Amministrazione ha facoltà di chiedere all’aspirante Socio ulteriori informazioni e l’esibizione dei documenti comprovanti la legittimità della domanda ed il possesso dei titoli e dei requisiti dichiarati.

ART.6

Il Consiglio di amministrazione notifica all’aspirante Socio la sua motivata decisione sulla domanda di ammissione entro il termine di 40 (quaranta) giorni, decorso lo stesso termine senza che il Consiglio di Amministrazione si sia pronunciato, la domanda si intende accolta.

Avverso il provvedimento di reiezione della domanda è dato ricorso nel termine perentorio di 90 (novanta) giorni dalla comunicazione. La decisione di accoglimento del ricorso ha la stessa efficacia del provvedimento di ammissione deliberato dal Consiglio di amministrazione.

ART.7

Il nuovo socio è tenuto a versare l’importo della quota di ammissione, nella misura determinata dall’assemblea per un importo non inferiore ad euro: 200,00 (duecento virgola zero zero) od altro importo così come determinato dal regolamento e/o dal Consiglio di Amministrazione.

Nel caso di inosservanza, il provvedimento, o la decisione si intendono annullati ad ogni effetto.

Le somme versate a titolo di quota di ammissione di contributo annuo o di contributo per le iniziative mutualistiche non sono ripetibili.

ART.8

L’erogazione di sovvenzioni a fondo perduto è regolata attraverso i criteri definiti dal Consiglio di Amministrazione.

ART.9

Nel caso di morte di un Socio, gli eredi sono tenuti ad adempiere alle obbligazioni assunte dal dante causa. Il rapporto associativo può continuare con gli eredi, a condizione che questi siano in possesso dei requisiti per l’ammissione e facciano richiesta, tramite un loro rappresentante entro il termine di 120 (centoventi) giorni dall’apertura della successione.

In nessun caso, differente da quello sopra indicato, sarà possibile trasmettere la quota di partecipazione ad altro soggetto.

ART.10

Oltre che nei casi previsti dalla legge può recedere il Socio:

  1. a) che abbia perduto i requisiti per l’ammissione;
  2. b) che non si trova in grado di partecipare al raggiungimento degli scopi sociali;
  3. c) che ne sia costretto da giustificati motivi ivi comprese sostanziali modifiche dello Statuto Sociale.

Spetta al Consiglio di Amministrazione deliberare in merito al recesso e provvedere in conseguenza nell’interesse del Consorzio.

ART.11

Oltre che nei casi previsti dalla legge, può con deliberazione del Consiglio di Amministrazione essere escluso il Socio:

  1. a) che non è più in grado di concorrere al raggiungimento degli scopi sociali;
  2. b) che, con l’inosservanza degli obblighi assunti o con la propria condotta, reca danno morale o materiale al Consorzio.
  3. c) che è in mora con il pagamento dei contributi dovuti;
  4. d) che viola lo Statuto e/o il regolamento;
  5. e) che aderisce ad altro organismo che ha le medesime finalità.

TITOLO III

REGOLAMENTO

ART.12

Il regolamento interno, da approvarsi dall’Assemblea con le maggioranze previste per le assemblee straordinarie     stabilirà le norme per l’esplicazione dell’attività del Consorzio, e potrà altresì determinare le penalità in caso di inadempienza da parte dei Soci.

TITOLO IV

FONDO CONSORTILE

ART.13

Il fondo consortile è costituito:

  1. a) dalle quote di ammissione e dalle quote associative annuali e da eventuali contributi ordinari, integrativi e straordinari versati dai soci;
  2. b) dai beni mobili ed immobili e dai valori per acquisti, lasciti o donazioni e per qualsiasi altro titolo che spettino o vengano in possesso del Consorzio;
  3. c) da eventuali contributi per il funzionamento e le necessità del Consorzio erogati da enti pubblici o privati;
  4. d) dagli eventuali avanzi di gestione;
  5. e) da un fondo per iniziative mutualistiche;
  6. f) dai redditi derivanti dai punti vendita.

Il capitale consortile è di ammontare variabile ed è diviso in quote.

TITOLO V

ORGANI SOCIALI

ART.14

Sono organi del Consorzio:

  1. a) l’Assemblea generale dei Soci;
  2. b) il Consiglio di Amministrazione.

ART.15

L’Assemblea è costituita dai soci che risultano iscritti nel libro dei Soci da almeno tre mesi.

L’Assemblea è convocata dall’organo amministrativo alternativamente mediante avviso comunicato al domicilio dei consorziati, telegramma, fax, posta elettronica, pubblicazione della convocazione presso l’albo comunale del municipio della sede legale del Consorzio od in ogni altro modo tale da garantire la prova dell’avvenuto invio almeno 15 (quindici) giorni prima dell’adunanza e tale da assicurare la tempestiva informazione sugli argomenti da trattare. Nell’avviso saranno indicati la data, il luogo (anche diverso dalla sede legale) e l’ora della riunione e la data della eventuale seconda convocazione che non potrà avere luogo nello stesso giorno della prima convocazione, nonché l’ordine del giorno.

In mancanza delle suddette formalità, l’Assemblea s’intende validamente costituita quando siano presenti o rappresentati tutti i consorziati aventi diritto al voto e siano presenti tutti gli Amministratori e nessuno si oppone alla trattazione degli argomenti all’ordine del giorno.

L’assemblea, qualora se ne ravvisi la necessità o anche solo l’utilità o l’opportunità, può essere validamente tenuta con mezzi di telecomunicazione (audio/video-conferenza). Verificandosi dette condizioni, l’assemblea si considera convocata nel luogo ove si trovano il Presidente ed il soggetto verbalizzante.

I consorziati possono farsi rappresentare, con delega scritta, dagli altri consorziati partecipi al fondo consortile aventi diritto di voto. Ogni consorziato presente in assemblea può rappresentare per delega fino a 2 (due) consorziati assenti. La delega può essere conferita anche ai dipendenti del singolo consorziato.

La presidenza dell’assemblea spetta al Presidente del Consiglio di Amministrazione e, in caso di sua assenza o impedimento, al Vice-Presidente, in mancanza l’assemblea sarà presieduta dal consorziato più anziano d’età.

L’assemblea sarà convocata almeno una volta all’anno entro 180 (centottanta) giorni dalla chiusura dell’esercizio per l’approvazione del bilancio.

Le deliberazioni dell’assemblea saranno verbalizzate e trascritte in apposito libro che rimarrà a disposizione dei consorziati per la visione presso la sede legale del consorzio. I consorziati in conflitto di interessi non possono votare, devono però essere considerati nel calcolo delle maggioranze costitutive richieste.

ART.16

L’assemblea ordinaria elegge l’organo amministrativo del consorzio e ne determina i relativi compensi ed indennità;

stabilisce la quota di ammissione, la quota associativa annuale e gli eventuali contributi a fondi o iniziative mutualistiche;

emana le linee di indirizzo, per il suo funzionamento, per la sua attività e per il miglior raggiungimento degli scopi consortili; discute ed approva il bilancio consuntivo annuale; approva, altresì, i piani operativi dell’esercizio successivo; delibera sui regolamenti interni proposti dall’organo amministrativo; delibera su qualsiasi altro argomento riservato dalla legge e dal presente contratto alla sua competenza.

Per la regolare costituzione dell’assemblea ordinaria in prima convocazione, è necessario che siano presenti o rappresentati almeno la maggioranza dei consorziati.

L’assemblea delibera a maggioranza assoluta. L’assemblea in seconda convocazione delibera validamente a maggioranza qualunque sia il numero dei soci intervenuti.

Il Presidente è assistito da un segretario nominato dall’assemblea.

ART.17

L’assemblea straordinaria delibera sulle modifiche dello statuto, sulla nomina e sui poteri dei liquidatori, sulla revoca dell’organo amministrativo e su tutto ciò che è demandato alla sua competenza per legge o per statuto.

L’assemblea straordinaria può validamente deliberare in prima convocazione quando siano presenti o rappresentati almeno i due terzi dei soci. Le deliberazioni sono assunte a maggioranza assoluta. L’Assemblea straordinaria in seconda convocazione delibera validamente a maggioranza qualunque sia il numero dei soci intervenuti.

ART.18

Le deliberazioni dell’assemblea sono vincolanti per tutti i soci, anche non presenti, o rappresentati, o dissenzienti.

ART.19

Il Consiglio di Amministrazione è composto da cinque a nove membri eletti dall’assemblea.

Gli amministratori possono essere anche non consorziati, durano in carica cinque anni e sono rieleggibili.

Nella prima riunione, che ha luogo, dopo l’assemblea che lo ha eletto, il Consiglio di Amministrazione elegge il Presidente ed il Vice-Presidente.

ART.20

CONVOCAZIONE E DELIBERAZIONI 

DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Il consiglio di amministrazione è convocato dal presidente su sua iniziativa ovvero su istanza scritta di ciascun amministratore. In caso di assenza o di impedimento del presidente, il consiglio di amministrazione è convocato, nell’ordine, dal vice presidente ovvero dagli amministratori delegati, secondo l’anzianità di carica e, subordinatamente, di età.

Il consiglio di amministrazione è convocato presso l’indirizzo della sede del consorzio od altrove, mediante avviso comunicato al domicilio degli amministratori, a mezzo di lettera raccomandata, telegramma, fax, posta elettronica o in altro modo tale da garantire la prova dell’avvenuto ricevimento almeno tre giorni (in caso di urgenza uno) prima della riunione e da assicurare la tempestiva informazione sugli argomenti da trattare. Nell’avviso saranno indicati la data, il luogo e l’ora della riunione, nonché l’ordine del giorno.

Le adunanze del consiglio e le sue deliberazioni sono valide, anche senza convocazione formale, quando intervengano tutti i consiglieri in carica.

La riunione è presieduta dal presidente o, in sua assenza, dal vice-presidente del consiglio di amministrazione. In assenza di costoro, la riunione è presieduta dall’amministratore delegato (se nominato) ovvero dal consigliere più anziano d’età.

Le deliberazioni sono assunte a maggioranza degli intervenuti.

ART.21

Il Consiglio di Amministrazione è investito della gestione del Consorzio e potrà quindi compiere tutti gli atti di ordinaria e straordinaria amministrazione che comunque rientrino negli scopi consorziali fatta eccezione soltanto per quelli che per disposizioni di legge e dell’atto costitutivo siano riservati all’assemblea. Il Consiglio di Amministrazione provvede alla nomina del personale fissandone le mansioni e le retribuzioni, definisce ed attribuisce le funzioni legate alla direzione del Consorzio.

ART.22

Il Presidente del Consiglio di Amministrazione presiede l’assemblea dei soci ed ha la rappresentanza legale del consorzio e la firma sociale. Egli ha facoltà di transigere e di conciliare, di rilasciare quietanze liberatorie e di provvedere a quanto altro occorra per la esecuzione delle deliberazioni del Consiglio di Amministrazione.

Spetta al Presidente del Consiglio di Amministrazione su delibera del Consiglio stesso promuovere le azioni davanti alla Autorità Giudiziaria o Amministrativa di qualsiasi ordine e grado e di nominare procuratori alle liti.

Nel caso di assenza o di impedimento, il Presidente è sostituito dal Vice-Presidente.

CLAUSOLA ARBITRALE

ART.23

Qualsiasi controversia dovesse insorgere tra i consorziati o tra i consorziati ed il consorzio che abbia ad oggetto diritti disponibili relativi al rapporto sociale e l’interpretazione, esecuzione e validità dello statuto, ad eccezione di quelle nelle quali la legge prevede l’intervento obbligatorio del Pubblico Ministero sarà devoluta ad un arbitro nominato dal Presidente del Tribunale nella cui circoscrizione ricade la sede del Consorzio.

Le spese dell’arbitrato saranno a carico della parte soccombente, salvo diversa decisione dell’arbitro.

BILANCIO

ART.24

L’esercizio sociale va dal giorno 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno. Alla fine di ciascun esercizio, il Consiglio di Amministrazione provvede alla compilazione del bilancio consuntivo da sottoporre all’Assemblea dei Soci, nonchè alla compilazione di una relazione illustrante l’attività svolta durante l’esercizio con particolare riguardo all’aspetto tecnico.

Predispone altresì un programma delle attività con una relazione economica.

ART.25

Gli avanzi netti di gestione, fondi o riserve del Consorzio non sono ripartibili fra gli associati.

SCIOGLIMENTO DEL CONSORZIO

ART.26

Il Consorzio si scioglie nei casi previsti dall’art. 2611 C.C., in tali casi l’assemblea straordinaria delibererà lo scioglimento del Consorzio, nominando uno o più liquidatori e determinandone le competenze.

Al termine della liquidazione il patrimonio residuo, soddisfatta ogni altra passività consortile, è ripartito tra i consorziati in proporzione alle quote di capitale consortile sottoscritte.

RINVIO

ART.27

Per quanto non espressamente previsto nel presente statuto e nel regolamento si applicano le norme vigenti in materia di marchi e promozioni di prodotti, nonchè le norme di legge vigenti in materia di consorzi.

Antonino Caruso

Tumeo Carmelina Antonina N.Q.

Vincenzo Mastrantonio

Costanzo Bartolo

Carmelo Luzio Alfieri

Calogero Campochiaro

Federico Lisi notaio